EDIZIONI IL FOGLIO

Per acquistare i libri direttamente dai magazzini de Il foglio, basta inviare una mail all'indirizzo sotto riportato, indicando TITOLO DEL LIBRO, NUMERO DI COPIE, NOME, COGNOME E INDIRIZZO.

ilfoglio@infol.it

  

I titoli ordinati arriveranno per posta ordinaria (piego di libri) al domicilio specificato entro 7 giorni dall'invio della mail. Riceverete comunque una mail di conferma. Il pagamento deve essere effettuato in anticipo con bonifico bancario, aggiungendo al costo del libro euro 3 per spese postali:

 

ASSOCIAZIONE CULTURALE IL FOGLIO
BANCA CR FIRENZE 


Via Boccioni 28 - 57025 PIOMBINO (LI)

 

IBAN: IT 88 P 061 6070 7201 0000 0001 198

BIC: CRFIIT3F (per estero)

IL CINEMA DI DON SIEGEL

a cura di Fabio Zanello

ISBN 9788876063350

€ 16,00 - Pag. 330

Siegel ha modificato il corpo testuale dei polizieschi e Friedkin e Mann sono suoi figli per i debiti accumulati nei confronti del maestro , per le strategie di rappresentazione da loro perseguite, dopo aver visionato gli archetipi del regista di Dirty Harry. Si tratta dunque di focalizzare hic et nunc le specificità che contraddistinguono la sua poetica. Non sappiamo se fra le sue letture rientra anche “Della finzione” di Roger Odin ma per il regista rinnovare gli elementi testuali del poliziesco, della fantascienza e del western, voleva dire leggere non un saggio ma piuttosto la società, con un’attenzione ai fermenti sociali, ai movimenti e alle dinamiche fra le classi, alle novità del linguaggio quindi mostrando una certa preferenza per la polifonia, anche per introdurre un approccio cronachistico al genere. Lo provano titoli come Rivolta al blocco 11, Dollari che scottano, Faccia d’angelo, L’inferno è per gli eroi, Squadra omicidi sparate a vista!, Il pistolero e Fuga da Alcatraz che riescono nell’intento di essere non solo operazioni d’ intrattenimento per il grande pubblico ma colme di sottotesti. L’identità dei film di Siegel è quello di aver dato vita ad un’infinità di paratesti nel cinema americano del dopoguerra, capace di contestualizzare al meglio la realtà americana del tempo con tutti i suoi splendori e le sue contraddizioni, come avviene spesso nei film realizzati in periodi difficili centrati su anti-eroi come i detenuti Dunn e Morris, il mezzosangue Pacer, il medico Miles Bennel, il poliziotto Madigan, lo sceriffo metropolitano Coogan, il soldato nordista Jonathan, l’ispettore Harry Callahan e il rapinatore crepuscolare Charley Varrick.

Fabio Zanello (Torino, 1969) è giornalista pubblicista e fiduciario del SNCCI Gruppo Piemonte/Valle D'Aosta. Ha pubblicato e curato monografie su Tomas Milian, Sam Raimi, Tobe Hooper, Enzo G. Castellari, quest'ultima in collaborazione con Gordiano Lupi - prima che uscisse in tutto il mondo Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino – oltre a volumi su “C’era una volta il West” di Sergio Leone, Mel Gibson, Johnnie To, Shinya Tsukamoto, Michael Winner e Christopher Lee.

​​​​© 2017-2019 EDIZIONI IL FOGLIO - P.I.01417200498
 

ASSOCIAZIONE CULTURALE IL FOGLIO, BANCA INTESA SAN PAOLO, Via Boccioni 28 - 57025 PIOMBINO (LI)

IBAN: IT25J0306970724100000001691  BIC: BCITITMM  Gordiano Lupi